MIADigital

In occasione delle Giornate professionali di cinema di Sorrento la Calabria Film Commission ha presentato la nuova legge cinema con una dotazione da ben 10 milioni di euro e annunciato i vincitori della terza finestra del bando.

Una nuova legge per la Calabria Film Commission per promuovere la produzione di opere cinematografiche, televisive, web, audiovisive e pubblicitarie italiane ed estere sul territorio. Fra gli obiettivi, quello di sostenere la nascita e lo sviluppo di un distretto dell’industria cinematografica e audiovisiva locale, agevolando anche lo sviluppo di professionalità nel settore e di sinergie con altri settori produttivi e professionali.  Fra le novità della legge il sostegno agli esercenti per sviluppare una rete di esercizi cinematografici diffusa, concorrenziale e di qualità, con particolare attenzione per gli esercizi storici e per le sale d’essai. Nella legge sono quindi dettagliate le funzioni della Film Commission Regione Calabria, prevedendo soprattutto il compito di favorire lo sviluppo del comparto audiovisivo locale e delle infrastrutture materiali e immateriali affidandole le funzioni di organismo con compiti di attuazione, sostegno e coordinamento delle attività e politiche cinematografiche e audiovisive, adeguandone la struttura organizzativa in relazione agli ambiti e agli interventi previsti, al fine di garantire competenza, efficienza e semplificazione.

Vincitori della terza finestra del bando: quattro lungometraggi, sei cortometraggi e un documentario.

I quattro lungometraggi che saranno sostenuti sono: Una femmina di Francesco Costabile prodotto da O Groove; L’incontro, di Salvatore Romano e prodotto da Marvaso Production Films srl; Rocco di Federico Cruciani e prodotto da Eurofilm srl; Generazione Neet di Andrea Biglione e prodotto da Cydia srl (Luca Biglione).

Per i cortometraggi: Grido di libertà- La straordinaria spedizione in Calabria dei fratelli Bandiera di Angelo Antonucci prodotto dall’associazione DAC; Del padre e del figlio di Mauro Lamanna dell’associazione culturale Divina Mania; Bianco di Silvia Luzi e Luca Bellino prodotto da Tfilm; Le rughe di Maurizio Paparazzo e prodotto da Scarford; Gneddu di Andrea di Paola prodotto da Vasco srl; La figlia di Vlad di Nicola Ragone prodotto da Power Creative srls; Il concerto di Daniel Cotard prodotto da Beta Pictures.

Infine, per la sezione documentari: Chi ha ucciso Giovanni Losardo di Giulia Zanfino e prodotto dall’associazione culturale Con i miei occhi.

Per maggiori informazioni: Calabria Film Commission.