MIADigital

ANEC, ANICA e Cinetel presentano i dati 2019 del box office italiano. Aumentano sia incassi che presenze non solo dei titoli internazionali, ma anche delle produzioni italiane.

Nel 2019 si registra un incasso di € 635.449.774 per un numero di presenze in sala pari a 97.586.858. Rispetto al 2018, gli incassi sono aumentati del 14,35% e le presenze del 13,55%. Comparando i numeri al 2017, la crescita degli incassi e delle presenze è stata invece rispettivamente pari all’8,70% e al 5,77%. È cresciuto rispetto allo scorso anno il box office della produzione italiana (incluse le co-produzioni) che nel 2019 ha guadagnato 134.8 milioni di € (127.9mln di € nel 2018; +5,39%) per una quota sul totale del 21,22% (nel 2018 era del 23,03%). Il numero di presenze della produzione italiana (incluse le co-produzioni) è invece aumentato del 5,56%, 21mln nel 2019 rispetto ai 19.9mln del 2018, per una quota sul totale del 21,56%.

Nel 2019 sono stati distribuiti in sala 495 nuovi film di prima programmazione (-34 rispetto al 2018) di cui 193 di produzione o co-produzione italiana (-18 rispetto al 2018). Oltre ai film di nuova uscita, sono stati distribuiti in sala anche 85 nuovi contenuti complementari ossia eventi, edizioni speciali, riedizioni che registrano il +7% rispetto al 2018.

In generale, il film con maggiori incassi del 2019 è Il re leone con 375mln di €, seguito da Avengers: Endgame e Joker. Il film italiano che ha guadagnato di più nel 2019 è Il Primo Natale con Ficarra e Picone (sesto nella classifica generale, l’unico italiano nella top ten) con 13.3mln.

Il Presidente ANICA Francesco Rutelli ha commentato: “Ora tutta la filiera deve continuare a collaborare e a lavorare con trasparenza e integrità. Si auspica che il 2020 sia l’anno di una legge importante che contempli la materia del cinema e dell’audiovisivo nella sua interezza”.

A presentare i dati Francesco Rutelli, Presidente ANICA, Francesca Cima, Presidente produttori ANICA, Luigi Lonigro, Presidente distributori ANICA, Mario Lorini, Presidente ANEC e Davide Novelli, Presidente Cinetel.