Il programma Europa Creativa conferma l’interesse dell’Unione Europea per il settore culturale raddoppiando le risorse per il periodo 2021-2027.

Un riconoscimento nei confronti della cultura e dell’importante che riveste nella società tanto da portare il Parlamento Europeo ad aumentare il budget da 1,4 a 2,8 miliardi di euro. Europa Creativa, composto da due sottoprogrammi (Sottoprogramma Cultura e Sottoprogramma MEDIA) e una sezione transettoriale potrà quindi prevedere iniziative nel lungo periodo.

A Europa Creativa possono accedere soggetti pubblici e privati, incluse le associazioni e in particolare le piccole e medie imprese. Il programma mantiene tre aree: una per la cultura (33% del budget) una per l’audiovisivo (58%) e una transettoriale (9%) per i progetti interdisciplinari e per realizzare studi, ricerche e sostenere i desk nazionali di Europa Creativa. Tra gli organismi direttamente finanziati dal programma anche la European Film Academy di Berlino.

Relatrice del programma l’europarlamentare del PD Silvia Costa che ha dichiarato: “Sono convinta che Europa Creativa, soprattutto dopo l’anno Europeo del Patrimonio Culturale e la Nuova Agenda europea per la Cultura contribuirà in maniera determinante a strutturare la presenza dei settori culturali e creativi nella strategia della Ue contribuendo anche a rafforzarne la narrativa ed il senso di appartenenza nei cittadini”.