Novità nel campo della pay tv in Europa. M7 passa a Canal+ (Gruppo Vivendi) portando in dote 3 milioni di abbonati.

Canal+ ha annunciato l’acquisizione della pay tv M7 dal privite equity francese Astorg Partners. Il costo dell’operazione si aggira intorno al miliardo di euro e l’acquisizione è comunque soggetta all’approvazione da parte della Commissione Europea. Si tratta dell’ultima mossa del piano di internazionalizzazione della controllata di Vivendi che dovrebbe permetterle di allargare la sua fetta di mercato europeo nel settore della pay tv.

M7 infatti, sebbene ancora poco conosciuta in Italia, conta ben 3 milioni di abbonati nei mercati in cui è già presente (Paesi Bassi, Belgio, Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria e Romania). La società, nello specifico, è una piattaforma di distribuzione di canali del calibro di Disney Channel, HBO, Eurosport, National Geographic and Nickelodeon. E da oggi garantirà una più ampia diffusione ai contenuti di Canal+ che attualmente vengono trasmessi in Francia, Svizzera e Polonia. Proprio per le sue produzioni originali questo colosso televisivo investe ogni anni più di 3 miliardi di euro e con la sua StudioCanal viene considerata uno dei major player europei nella produzione di film e serie tv. Possiede, inoltre, un’imponente libreria di film con più di 6 mila titoli.

“L’operazione – ha commentato il presidente di Canal+ Maxime Shaada – permetterà al nostro gruppo di raggiungere 20 milioni di sottoscrizioni nel mondo. La nostra base di abbonati è raddoppiata in cinque anni, con un’evidente accelerazione iniziata nel 2015. Quest’importante operazione ci permetterà di rafforzare la nostra capacità di distribuzione al fine di sfruttare al meglio i contenuti presenti nella nostra library“.