Valerio Bonelli è un montatore che ha lavorato per alcuni dei migliori registi di tutto il mondo sia nel campo dei lungometraggi che delle produzioni televisive. È cresciuto in Italia e si è trasferito nel Regno Unito all’età di 22 anni per studiare alla National Film and Television School dove si è laureato nel 2001. Bonelli ha lavorato a “Darkest Hour” (2017) di Joe Wright, il ritratto di Winston Churchill durante la Seconda guerra mondiale che è valso un premio Oscar® al protagonista Gary Oldman. In precedenza, aveva montato l’episodio di Joe Wright “Black Mirror: Nosedive” per Netflix. La sua collaborazione con Joe Wright continua con il montaggio del più recente “The Woman in the Window” con Amy Adams e Gary Oldman per Fox 2000 uscito su Netflix nel 2021. Ha recentemente completato l’ultimo film di Joe Wright, “Cyrano” per la MGM, prodotto da Working Title film. Nel 2018 aveva lavorato al lungometraggio esordio alla regia di Chiwetel Ejio “The Boy Who Harness The Wind” per Netflix, uscito nel 2019. Nel 2013 inizia la sua lunga collaborazione con il regista Stephen Frears, per il quale monta il film candidato Oscar® “Filomena” con Judy Dench. Segue poi “The Program” nel 2015, interpretato da Ben Foster e seguito l’anno successivo dalla commedia candidata ai BAFTA “Florence Foster Jenkin”s (2016) con Meryl Streep e Hugh Grant. Bonelli è stato co-editore del film di Ridley Scott del 2015 “The Martian” con Matt Damon. Altre collaborazioni degne di nota includono il montaggio di “Redemption” dello scrittore e regista Steven Knight; “Cemetery Junction” di Ricky Gervais e Stephen Merchant e “Viceroy’s House” di Gurinder Chadha. Bonelli ha anche montato diversi film documentari e fiction pluripremiati. Nel 2011 ha prodotto e montato il documentario “Without Gorky” diretto da Cosima Spender. Nel 2014 è proseguita la sua collaborazione con Cosima Spender per il lungometraggio documentario nominato ai BIFA Palio, per il quale ha vinto il miglior montaggio di documentari al Tribeca Film Festival 2015. Nel 2020 ha montato la prima docuserie italiana firmata Netflix “Sanpa, Sins of the Saviour” sempre diretta da Cosima Spender. Valerio vive a Londra con la moglie Cosima Spender e due figli.